#RipRobinWilliams – Tutti i video e le lezioni

11 Agosto 2014,

spero venga ricordato come il passaggio di consegna tra il Prof. John Keating ed i suoi milioni di allievi sparsi in tutto il  mondo.

Ciao Capitano!

Immagine in Public Domain su openclipart.org. Info sulla foto e licenza di utilizzo cliccando sull'immagine.

Immagine in Public Domain su openclipart.org. Info sulla foto e licenza di utilizzo cliccate sull’immagine.

Qui tutta la poesia di Robin William e l’attimo fuggente:

1. La poesia nel cinema – Patch Adams

2. L’attimo fuggente – lezione

3. L’attimo fuggente – lezione

4. L’attimo fuggente – lezione

5. L’attimo fuggente – lezione

6. L’attimo Fuggente – lezione

7. L’attimo Fuggente – lezione

8. L’attimo fuggente – lezione

Annunci

Il fratello della poesia, il romanzo epistolare

1450892_378619268938899_452644884_n 5580-ti-prego-lasciati-odiare

Oggi vi parlerò di un’idea che ho maturato da poco tempo; lo farò partendo dalla fine con l’assunto conclusivo: il romanzo epistolare è, tra i generi letterari di prosa, quello che più di tutti, oggi, s’avvicina alla poesia. Se vogliamo, suo fratello.

L’antefatto è il seguente.

Un’amica, Valentina Cucinella, ha pubblicato un romanzo epistolare  dal titolo “Il senatore” (edito da Ciesse Edizioni con prefazione di Vauro Senesi). Un bellissimo libro che, per la sua stessa struttura, l’epistola, riserva una lettura particolare e coinvolgente. Mi chiese, poco tempo addietro, di partecipare alle sue presentazioni interpretando, nella lettura di alcuni brani, Marco. Così ho avuto il piacere di prestare la voce per due lettere che, quest’ultimo, uno dei personaggi del romanzo, scrive a Sofia, la protagonista del libro.

Continua a leggere

La poesia e il Cinema – Rainer Maria Rilke

Nuova puntata de “la poesia e il Cinema”. Oggi è il turno di Rilke.

Rainer Maria Rilke (Praga, 4 dicembre 1875 – Montreux, 29 dicembre 1926), è stato uno scrittore, poeta e drammaturgo austriaco di origine boema.
È considerato uno dei più importanti poeti di lingua tedesca del XX secolo. Autore di opere sia in prosa che in poesia. (Vita ed opere QUI)

I film di cui si occuperemo sono:

risvegli la-copertina-di-un-altra-donna-dvd-79808

1. Un’altra donna (“Another Woman“)

2. Risvegli (“Awakenings“)

Partiamo dai film:

Continua a leggere

La poesia nel cinema – Robert Frost (Stephen King, Roberto Benigni, Robin Williams)

Robert Lee Frost (San Francisco, 26 marzo 1874 – Boston, 29 gennaio 1963) è stato  un poeta statunitense.

Per parlarvi di Frost, partirei dal 20 gennaio del 1961. Quel giorno il sole brillava su Washinton. Era il giorno dell’inaugurazione del trentacinquesimo presidente degli Stati Uniti D’America. J.F.Kennedy si apprestava al giuramento. “JFK” volle presenti alla cerimonia tanti scrittori, artisti e scienziati; tra questi era presente il nostro autore. Frost, infatti, fu uno dei poeti preferiti di John Fitzgerald Kennedy.

frost

Per la sua vita vi rimando all’enciclopedia digitale di Wikipedia. Cliccando QUI avrete tante informazioni bibliografiche del poeta.

_____________________________________________________________

1. Partiamo da “Dreamcatcher” (L’acchiappasogni).

Continua a leggere

La poesia in TV – Wystan Hugh Auden

IL ROMANZIERE

Appuntato al talento come a un’uniforme,
il grado dei poeti è noto a tutti;
stupirci come un temporale possono,
morire tanto giovani, per anni viver soli.

Possono scatenarsi come ussari: ma lui deve
liberarsi del suo dono puerile e apprendere
a esser complesso e semplice, a esser uno
che nessuno si sogna di seguire.

Per realizzare il più facile dei suoi voti,
deve infatti far sua tutta la noia,
prono agli ovvi lamenti dell’ amore, tra i Giusti

esser giusto, tra i Luridi essere pure lurido,
e, se può, nel suo debole Io deve soffrire
senza intendere tutti i misfatti dell’Uomo.

Wystan Hugh Auden

Funeral blues

Fermate gli orologi, staccate la cornetta,
date al cane un osso succulento prima che si metta
ad abbaiare, zittite i pianoforti e al cupo segnale
del tamburo portate fuori il feretro, parta il funerale.

Alti gli aeroplani s’avvitino con voce di sconforto
scarabocchiando in cielo la notizia: È morto.
Mettete un nastro nero al collo bianco d’ogni piccione,
fate indossare ai vigili guanti neri di cotone.

Era il mio nord, il mio sud, il mio ovest, il mio est,
la mia settimana di lavoro e il mio giorno di festa,
il mio meriggio, la mia notte, la mia parola, il mio canto.
Sbagliai a pensare eterno quest’amore – ora so quanto.

Le stelle non servono più: spegnetele una a una
smontate il sole e imballate la luna
strappate le selve e scolate tutto il mare.
Nessun piacere potrà mai tornare.

Wystan Hugh Auden

“Funeral Blues” è una delle sue poesie più famose. Citata nei film “L’attimo fuggente” (1989) di Peter Weir e “Quattro matrimoni e un funerale” (1994) di Mike Newell.

http://www.antivirus.tv2000.it/

Il Programma

La nuova stagione di Antivirus è un viaggio alla scoperta della grande poesia internazionale del novecento. Attraverso trenta capolavori: trenta libri di poesia di altrettanti straordinari poeti, vivremo in ogni latitudine e grado il secolo poetico che ci siamo lasciati alle spalle.. Davide Rondoni, con l’aiuto di Maria Cristina Blu ci racconterà in ogni puntata un libro entrato nella storia della letteratura mondiale. Da Domenica 22 gennaio alle 13 e 20 su TV2000.

Cos’è la poesia – Walt Whitman

Tratto dal film “L’attimo fuggente” (Dead Poets Society): “Quale sarà il tuo verso?”

E ora, miei adorati, imparerete di nuovo a pensare con la vostra testa, imparerete ad assaporare parole e linguaggio.
Qualunque cosa si dica in giro, PAROLE e IDEE POSSONO CAMBIARE IL MONDO.

Non leggiamo e scriviamo poesie perchè è carino. Noi leggiamo e scriviamo poesie, perchè siamo membri della razza umana. E la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento. Ma la poesia, la bellezza, il romanticismo, l’amore, sono queste le cose che ci tengono in vita!”

Citando Walt Whitman:

Oh me, oh vita !

Domande come queste mi perseguitano,

infiniti cortei d’infedeli,

città gremite di stolti,

che vi è di nuovo in tutto questo,

oh me, oh vita !

 Risposta:

Che tu sei qui,

che la vita esiste e l’identità,

Che il potente spettacolo continua,

e che tu puoi contribuire con un verso.

Walt Whitman