La poesia e il Cinema – Rainer Maria Rilke

Nuova puntata de “la poesia e il Cinema”. Oggi è il turno di Rilke.

Rainer Maria Rilke (Praga, 4 dicembre 1875 – Montreux, 29 dicembre 1926), è stato uno scrittore, poeta e drammaturgo austriaco di origine boema.
È considerato uno dei più importanti poeti di lingua tedesca del XX secolo. Autore di opere sia in prosa che in poesia. (Vita ed opere QUI)

I film di cui si occuperemo sono:

risvegli la-copertina-di-un-altra-donna-dvd-79808

1. Un’altra donna (“Another Woman“)

2. Risvegli (“Awakenings“)

Partiamo dai film:

Continua a leggere

Annunci

La poesia – il Cinema & la Musica – E. E. Cummings

Eccoci alla seconda puntata per quanto attiene il film “In her shoes“. Ma tratteremo anche di altre due pellicole e del rapporto tra poesia e musica.

I principali protagonisti di oggi saranno:

1. Cameron Diaz in “In her shoes”

2. Heath Ledger in “Paradiso + inferno”

3. Zac Efron in “Segui il tuo cuore”

4. Björk

paradiso+inferno182ufoh8q

La poesia, rispetto al precedente post, cambia. Si tratta di “I carry your heart with me“; viene citata anche in un’altra pellicola: “Paradiso + inferno” (titolo originale – “Candy“).

Partiamo, come sempre dai film:

Continua a leggere

La poesia nel cinema – Seconda Puntata su Edgar Allan Poe ne “I Simpson”, “Il corvo”, nella musica, nei fumetti e nello sport

Seconda puntata su Edgar Allan Poe.

Oggi ci occuperemo di vedere come la poesia possa avere un’influenza trasversale e toccare mondi che, apparentemente, possono sembrare molto distanti tra loro.

Dalla simpatia della famiglia Simpson, popolare sitcom animata creata dal fumettista statunitense Matt Groening a fine degli anni ottanta per la Fox Broadcasting Company, al cinema di successo con “Il corvo” di Brandon Lee girato nel 1994 e diretto da Alex Proyas, trasposizione cinematografica del fumetto di James O’Barr. Dalla musica dei Beatles a quella dei Green Day, di David Bowie, di Baglioni e Ramazzotti, fino allo sport ed ai fumetti.

Continua a leggere

La poesia nel cinema – Dorothy Parker in “Ragazze interrotte”

ragazzeinterrotteRagazze interrotte (Girl, Interrupted) è un film del 1999 diretto da James Mangold con Winona Ryder e Angelina Jolie (quest’ultima vincitrice del Premio Oscar nel 2000 e del Golden Globe). È un adattamento del diario di Susanna Kaysen La ragazza interrotta.

 

Continua a leggere

La poesia nel cinema – Robert Frost (Stephen King, Roberto Benigni, Robin Williams)

Robert Lee Frost (San Francisco, 26 marzo 1874 – Boston, 29 gennaio 1963) è stato  un poeta statunitense.

Per parlarvi di Frost, partirei dal 20 gennaio del 1961. Quel giorno il sole brillava su Washinton. Era il giorno dell’inaugurazione del trentacinquesimo presidente degli Stati Uniti D’America. J.F.Kennedy si apprestava al giuramento. “JFK” volle presenti alla cerimonia tanti scrittori, artisti e scienziati; tra questi era presente il nostro autore. Frost, infatti, fu uno dei poeti preferiti di John Fitzgerald Kennedy.

frost

Per la sua vita vi rimando all’enciclopedia digitale di Wikipedia. Cliccando QUI avrete tante informazioni bibliografiche del poeta.

_____________________________________________________________

1. Partiamo da “Dreamcatcher” (L’acchiappasogni).

Continua a leggere

La poesia nel cinema – Autumn in New York & Edna St. Vincent Millay

Autunno a New York è un film del 2000 diretto da Joan Chen, e interpretato da Richard GereWinona Ryder e Anthony LaPaglia. Charlotte Fieldingne (Winona Ryder) ha ventidue anni, una malattia probabilmente incurabile, una passione per Emily Dickinson, per le perline, le farfalle e per abiti di un kitsch vezzoso.

Edna St. Vincent Millay è una poetessa statunitense (Rockland, Maine, 1892 – Austerlitz, New York, 1950). Pubblica la prima raccolta di poesie (Renascence and other poems) nel 1917. Si stabilì nel Greenwich Village di New York. Il successo di pubblico conseguito con “A few figs from thistles” (1920), dove l’uso di strutture metriche tradizionali si combina efficacemente con un liguaggio giovanile e aggressivo, fu confermato da “The harp-weaver and other poems” (1923), in cui la sostanziale lontananza di M. dallo sperimentalismo moderno si rispecchia nella predilezione del sonetto e nell’intensa frequentazione di motivi romantici.

Continua a leggere