La poesia nel cinema – Seconda Puntata su Edgar Allan Poe ne “I Simpson”, “Il corvo”, nella musica, nei fumetti e nello sport

Seconda puntata su Edgar Allan Poe.

Oggi ci occuperemo di vedere come la poesia possa avere un’influenza trasversale e toccare mondi che, apparentemente, possono sembrare molto distanti tra loro.

Dalla simpatia della famiglia Simpson, popolare sitcom animata creata dal fumettista statunitense Matt Groening a fine degli anni ottanta per la Fox Broadcasting Company, al cinema di successo con “Il corvo” di Brandon Lee girato nel 1994 e diretto da Alex Proyas, trasposizione cinematografica del fumetto di James O’Barr. Dalla musica dei Beatles a quella dei Green Day, di David Bowie, di Baglioni e Ramazzotti, fino allo sport ed ai fumetti.

Qualche cenno sul nostro autore:

Edgar-Allan-Poe-Clip-art

Edgar Allan Poe (Boston, 19 gennaio 1809 – Baltimora, 7 ottobre 1849) fu uno scrittore, poeta, critico letterario, giornalista, editore, storyteller e saggista statunitense.

Scrittore di grande inventiva, ha anticipato generi letterari quali il racconto poliziesco, e la fantascienza. Sebbene la sua vita e le sue opere siano posteriori rispetto al periodo del romanzo gotico vero e proprio, Poe ha finito per essere considerato uno dei rappresentanti più importanti del genere gotico.

L’autore ha avuto un’enorme influenza nel cinema, nella musica, nei cartoon ed anche nella pittura.

Per porre in essere la nostra analisi, oggi, faremo perno su una poesia specifica del nostro autore: “Il corvo” – “The raven”, citata nella puntata “La paura fa novanta” de “I Simpson”.

Iniziamo con un breve filmato tratto dai Simpson.

Consiglio a tutti di vedere la puntata intera. Io mi limiterò a due brevissimi frammenti. L’inizio e la fine in cui viene citato il titolo dell’opera e l’incipit. In realtà l’intera puntata altro non è che la recita del testo integrale della poesia.

NB: Anche in un’altra puntata dei Simpson (“La rivale di Lisa”) Poe viene citato. Non per una poesia ma per un breve racconto, “Il cuore rivelatore”.

Adesso vediamo come lo stesso testo viene modificato nel cinema in un grande successo del 1994, “Il Corvo”.

Si tratta di due traduzione molto simili che rendono benissimo l’idea della forza comunicativa che può avere la poesia.

Rimane da aggiungere, circa la poesia “Il corvo”, un’ultima trasposizione cinematografica (in ordine temporale). Tra Marzo ed Aprile 2012, infatti, è uscito in tutti cinema, “The Raven”, film che ha come co-protagonista proprio Edgar Allan Poe.

The Raven è un film del 2012 diretto da James McTeigue e con protagonisti John Cusack, Alice Eve e Luke Evans. Narra la storia di un serial killer che commette numerosi omicidi ispirandosi ai racconti del nostro poeta. La polizia di Baltimora decide di farsi aiutare dallo scrittore in persona per fermare l’assassino ed in questo modo Poe inizierà a collaborare con un giovane ispettore.

NB: Prima di lasciarvi al trailer del film, tengo a precisare che il film non si rifà alla vita reale di Edgar Allan Poe, ma la storia è del tutto frutto della fantasia di chi ha prodotto la sceneggiatura.

Il testo integrale de “Il corvo” – “The Raven” lo potete trovare qui

Adesso vediamo come, in altri ambiti significativi, possiamo trovare tracce della poetica di Poe.

Iniziamo dai fumetti:
1, Zagor è un personaggio dei fumetti creato nel 1961 da Sergio Bonelli, con lo pseudonimo di Guido Nolitta, e dalle matite di Gallieno Ferri.
Poe appare in una lunga storia del fumetto Zagor, di Sergio Bonelli Editore, intitolata “Ombre su Darkwood”. Ecco la copertina:
zag0376
– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
2, Sempre nel mondo dei fumetti, sono tre gli episodi del fumetto Dylan Dog
(‘La zona del crepuscolo’, ‘Ritorno al crepuscolo’ e ‘Gli Eredi del Crepuscolo‘) che si sono liberamente ispirati al racconto sul mesmerismo “La verità sul caso di mr. Valdemar”.
Ecco le copertine:
dylan-dog-7-la-zona-del-crepuscolo dyl0057 untitled
– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
3, Passando alla musica, parliamo di famosi cantanti e musicisti del calibro di Lou Reed, David Bowie, i Green Day ed i Beatles e gli italianissimi Claudio Baglioni ed Eros Ramazzotti.
A. Poe viene citato nel testo della canzone I Am the Walrus dell’album Magical Mystery Tour dei Beatles.
()elementary penguin singing Hare Krishna
man, you should have seen them
kicking Edgar Allan Poe()
B. Poe compare nell’album di una delle più famose copertine di album dei Beatles, “Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band”, dei Beatles.
ingrandimento selezione
C, L’album “The Raven” di Lou Reed richiama evidentemente ad una delle opere più famose di poe; ma non è tutto.
All’interno di questo album troviamo una canzone dal titolo “Hop-Frog” cantata insieme a David Bowie; ebbene, Hop-Frog è il titolo di un racconto scritto da Edgar Allan Poe nel marzo del 1849, l’anno della sua morte. Il titolo è attribuito al nome del protagonista.
Lou%20Reed%20-%20The%20Raven%20-%20Back
 – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
D, La famosa band dei “Green day” cita il nostro autore nel testo “St. Jimmy“. In neretto la citazione
————
“()Cigarettes and ramenand a little bag of dope
I am the son of a bitch and Edgar Allen Poe()”

————

E, Per quanto attiene ai cantanti nostrani, Claudio Baglioni, per la sua prima incisione (a circa 16 anni) prenderà ispirazione dall’omonima poesia di Poe, “Annabel Lee“.

Dalla stessa poesia prenderanno, tra l’altro, ispirazione, altri musicisti e registi cinematografici.

Annabel Lee, Edgar Allan poe

Or son molti e molti anni
che in un regno in riva al mare
viveva una fanciulla che col nome
chiamerete di Annabel Lee:
e viveva questa fanciulla con non altro pensiero
che d’amarmi e d’essere amata da me.
Io ero un bimbo e lei una bimba,
in questo regno in riva al mare;
ma ci amavamo d’un amore ch’era più che amore-
io e la mia Annabel Lee –
d’un amore che gli alati serafini in cielo
invidiavano a lei ed a me.
E fu per questo che –oh, molto tempo fa-
in questo regno in riva al mare
un vento soffiò da una nube, raggelando
la mia bella Annabel Lee;
così che vennero i suoi nobili parenti
e la portarono da me lontano
per rinchiuderla in un sepolcro
in questo regno in riva al mare.
Gli angeli, non così felici in cielo come noi,
a lei e a me portarono invidia –
oh sì! E fu per questo ( e tutti ben lo sanno
in questo regno in riva al mare)
che quel vento irruppe una notte dalla nube
raggelando e uccidendo la mia bella Annabel Lee.
Ma molto era più forte il nostro amore
che l’amor d’altri di noi più grandi-
che l’amor d’altri di noi più savi-
e né gli angeli lassù nel cielo
né i demoni dentro il profondo mare
mai potran separare la mia anima dall’anima
della bella Annabel Lee:- giacché mai raggia la luna che non mi porti sogni
della bella Annabel Lee;
e mai stella si leva ch’io non senta i fulgenti occhi
della bella Annabel Lee:-
e così, nelle notti, al fianco io giaccio
del mio amore – mio amore – mia vita e mia sposa,
nel suo sepolcro lì in riva al mare,
nella sua tomba in riva al risonante mare.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  –

Annabel Lee, Claudio Baglioni

Ti vedo Annabel Lee
quando tu sorridevi per me
nel nostro mondo
solo noi

Il tempo eri tu
eri ferma davanti a me
gli angeli odiavano il tuo nome

E un giorno il vento
ti prese via per sempre
un vento dal cielo e poi e poi niente

Il vento è passato
ma tu non ci sei
guardo nel mondo
ma tu non ci sei
ti prendo per mano
ma tu non ci sei
Annabel Annabel Annabel no
noooo noooo

Ti sento Annabel Lee
tu che sei sempre dentro di me
corri nel vento insieme a me
E un giorno nel tempo
ritornerai lo sento
un vento dal cielo
ritornerai lo sento
Annabel Lee

F, Eros Ramazzotti nell’album Dove c’è musica del 1996, inserì la canzone “Lettera al futuro“;

dove è presente una forte analogia con il racconto de “La maschera della morte rossa. Quest’ultimo è un racconto scritto da Edgar Allan Poe e pubblicato nel 1842. In italiano è conosciuto anche col titolo “La pantomima della morte rossa”.

4, Una nota di colore, sempre in riferimento al nostro autore, tocca persino lo sport.

Una squadra di football americano, i Baltimora Ravens (ecco il riferimento) della National Footbal League è stata così chiamata in onore di Poe. Poe morì a Baltimora e ivi venne sepolto. E’, evidente, anche il riferimento diretto al nostro autore, sia nei colori delle divise, nella mascotte della squadra, nonché nel logo societario.

ravens-mascot-430a081108 12p-8025-baltimore-ravens

 Con questa curiosità finisce la seconda puntata sulle contaminazioni che l’opera poetica di Allan Poe ha avuto nei campi più improbabili della società.

In realtà i riferimenti al nostro autore sono decine e decine di più. Questi che abbiamo visto insieme sono, forse, i più importanti. Per un’analisi più completa, potete cercare in giro su internet partendo proprio dalla voce “Edgar Allan poe” su Wikipedia.

Annunci

Un pensiero su “La poesia nel cinema – Seconda Puntata su Edgar Allan Poe ne “I Simpson”, “Il corvo”, nella musica, nei fumetti e nello sport

  1. Pingback: » La poesia che diventa multimediale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...