La poesia nel cinema – Autumn in New York & Edna St. Vincent Millay

Autunno a New York è un film del 2000 diretto da Joan Chen, e interpretato da Richard GereWinona Ryder e Anthony LaPaglia. Charlotte Fieldingne (Winona Ryder) ha ventidue anni, una malattia probabilmente incurabile, una passione per Emily Dickinson, per le perline, le farfalle e per abiti di un kitsch vezzoso.

Edna St. Vincent Millay è una poetessa statunitense (Rockland, Maine, 1892 – Austerlitz, New York, 1950). Pubblica la prima raccolta di poesie (Renascence and other poems) nel 1917. Si stabilì nel Greenwich Village di New York. Il successo di pubblico conseguito con “A few figs from thistles” (1920), dove l’uso di strutture metriche tradizionali si combina efficacemente con un liguaggio giovanile e aggressivo, fu confermato da “The harp-weaver and other poems” (1923), in cui la sostanziale lontananza di M. dallo sperimentalismo moderno si rispecchia nella predilezione del sonetto e nell’intensa frequentazione di motivi romantici.

Ecco i testi completi delle poesie citate:

God’s World -EN-

O world, I cannot hold thee close enough!
Thy winds, thy wide grey skies!
Thy mists, that roll and rise!
Thy woods, this autumn day, that ache and sag
And all but cry with colour! That gaunt crag
To crush! To lift the lean of that black bluff!
World, World, I cannot get thee close enough!

Long have I known a glory in it all,
But never knew I this;
Here such a passion is
As stretcheth me apart,—Lord, I do fear
Thou’st made the world too beautiful this year;
My soul is all but out of me,—let fall
No burning leaf; prithee, let no bird call.

NB: in grassetto la parte citata nel film

– – – – – – – –

Il mondo di Dio -IT-

Ah il mondo, non posso tenerti abbastanza stretto;
i tuoi venti, i cieli grigi che si aprono
le tue nebbie che arrotolano e coprono
I tuoi boschi, in questo giorno d’autunno, il dolore, il sollievo
E ancora altro ma si piange a colori! Per schiacciare questo dirupo desolato!
Per sollevare il destino a questo nero promontorio!
Mondo, mondo, io non riesco a tenerti così vicino!
Da tempo ho conosciuto la gloria in tante cose
Ma la ignoravo in tutto questo.
Qui c’è una tale passione che mi spiega lontano,- Signore, io incuto timore
Tu hai fatto il mondo così bello quest’anno;
la mia anima è vigorosa ma alberga al di fuori di me
lascia cadere una foglia verde
ti prego, ma che nessuno richiami l’allodola.

Edna St. Vincent Millay

_________________________________________________

To A Young Poet -EN-

Time cannot break the bird’s wing from the bird.
Bird and wing together
Go down, one feather.

No thing that ever flew,
Not the lark, not you,
Can die as others do.

– – – – – – – – – – – – – — –

Ad un giovane poeta -IT-

Il tempo non può staccare l’ala dell’allodola dall’allodola,
l’allodola e l’ala insieme
cadono una piuma sola,
nessuna cosa che abbia volato
nè l’allodola nè te
può morire come gli altri.

Edna St. Vincent Millay

Infine, vi lascio proponendovi di ascoltare un’altra poesia dell’autrice Statunitense; una delle opere più belle (non solo secondo i miei gusti, ovviamente): cliccate sull’immagine, verrete indirizzati alla fonte del video. Buona visione!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...