La poesia nel cinema ma anche… – George Best – Paulo Coelho – Forest Gump – Bibbia

Best è un film del 2000 diretto da Mary McGuckian e interpretato da John Lynch, nel ruolo del leggendario calciatore George Best.

All’interno di questo film viene recitato il seguente testo:

“Ogni cosa ha il suo tempo. E c’è un tempo per ogni azione sotto il sole.

Un tempo per nascere e un tempo per morire.

Un tempo per seminare e un tempo per raccogliere ciò che è stato seminato.

Un tempo per uccidere e un tempo per guarire.

Un tempo per distruggere e un tempo per edificare.

Un tempo per piangere e un tempo per ridere.

Un tempo per soffrire e un tempo per ballare.

Un tempo per conservare e un tempo per buittare via”

Questa citazione viene attribuita spesso al poeta Paulo Coelho. In realtà tale testo è, si riprodotto su un libro del poeta ma, come possiamo facilmente verificare dallo stesso, non è un’opera del Poeta.

(tratto dal libro Undici Minuti – P. Coelho – ultima parte):

(…)lui ha messo un disco e ha fatto esattamente ciò che mi aspetta­vo: ha acceso il caminetto e mi ha offerto del vino.
Poi ha aperto un libro e si è messo a leggere:

Un tempo per nascere, un tempo per morire.
Un tempo per piantare, un tempo per sradicare la pianta.
Un tempo per uccidere, un tempo per guarire.
Un tempo per distruggere, un tempo per costruire.
Un tempo per piangere, un tempo per ridere.
Un tempo per gemere, un tempo per ballare.
Un tempo per scagliare pietre, un tempo per raccogliere sassi.
Un tempo per abbracciare, un tempo per separarsi.
Un tempo per cercare, un tempo per perdere.
Un tempo per conservare, un tempo per gettare via.
Un tempo per strappare, un tempo per ricucire.
Un tempo per tacere, un tempo per parlare.
Un tempo per amare, un tempo per odiare.
Un tempo per la guerra, un tempo per la pace.

Suonava come un congedo. Ma era il più bello che avrei potuto mai desiderare nella mia vita.”

Si tratta, infatti, anche se la traduzione risulta leggermente diversa, di un estratto di un altro libro.

Il testo in questione è un libro Sacro. Il Qohèlet, o Ecclesiaste, contenuto nella Bibbia ebraica (Tanakh) e cristiana. Qohèlet in ebraico antico significava “l’uomo che partecipa all’assemblea” che, tradotto in greco (ekklesiastès), assunse il nome di Ecclesiaste. Per sapere di più sul libro clicca qui. Qui che importa adesso, è far vedere come un testo “poetico” può assumere connotazioni assolutamente diverse tra loro e coinvolgere diversi arti.

Nel cinema, con “Best“; nella letteratura con “Undici Minuti”; in un libro sacro, L'”Ecclesiaste”. E non è tutto.

Lo stesso testo è stato utilizzato anche nella musica. 

Incisa per la prima volta nel 1962, infatti, ed inclusa nell’album “The Bitter and The Sweet“, “Turn! Turn! Turn! (sottotitolo: to Everything There Is a Season), è il titolo di una canzone composta negli anni cinquanta dal cantante folk statunitense Pete Seeger.

Il brano, è stato portato al successo nel 1965 dal gruppo musicale californiano The Byrds.

Ma, notevolmente più celebre, è il riadattamento della versione dei Byrds all’interno della colonna sonora del film di Tom Hanks Forrest Gump è ricordata per il suo messaggio pacifista.

Vi propongo proprio la versione dei The Byrds:

Ecco, invece, i testi integrali del brano dei Byrds e quello della Bibbia approvato dalla Conferenza Episcopale Italiana.

The Byrds – Turn! Turn! Turn!

To Everything … Turn! Turn! Turn!
There is a season … Turn! Turn! Turn!
And a time to every purpose under Heaven.
A time to be born, a time to die
A time to plant, a time to reap
A time to kill, a time to heal
A time to laugh, a time to weep
To Everything … Turn! Turn! Turn!
There is a season … Turn! Turn! Turn!
And a time to every purpose under Heaven.
A time to build up, a time to break down
A time to dance, a time to mourn
A time to cast away stones
A time to gather stones together
To Everything … Turn! Turn! Turn!
There is a season … Turn! Turn! Turn!
And a time to every purpose under Heaven.
A time of love, a time of hate
A time of war, a time of peace
A time you may embrace
A time to refrain from embracing
To Everything … Turn! Turn! Turn!
There is a season … Turn! Turn! Turn!
And a time to every purpose under Heaven.
A time to gain, a time to lose
A time to rend, a time to sew
A time for love, a time for hate
A time for peace, I swear it’s not too late.
A time for peace, I swear it’s not too late.

Ecclesiaste, Capitolo 3

“Per ogni cosa c’è il suo momento, il suo tempo per ogni faccenda sotto il cielo.
C’è un tempo per nascere e un tempo per morire, un tempo per piantare e un tempo per sradicare le piante.
Un tempo per uccidere e un tempo per guarire, un tempo per demolire e un tempo per costruire.
Un tempo per piangere e un tempo per ridere, un tempo per gemere e un tempo per ballare.
Un tempo per gettare sassi e un tempo per raccoglierli, un tempo per abbracciare e un tempo per astenersi dagli abbracci.
Un tempo per cercare e un tempo per perdere, un tempo per serbare e un tempo per buttar via.
Un tempo per stracciare e un tempo per cucire, un tempo per tacere e un tempo per parlare.
Un tempo per amare e un tempo per odiare, un tempo per la guerra e un tempo per la pace. (continua)”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...